DSM® DIE SPLITTING MACHINE 420/530

una macchina progettata da Compes, consente di separare matrice e mandrino, perfino dei porthole più resistenti, senza sforzi ed in totale sicurezza.

La DSM - DIE SPLITTING MACHINE, di concezione e brevetto Compes, separa matrice e mandrino tramite un processo automatico rapido, silenzioso ed efficace, eliminando i problemi di scarsa sicurezza legati all’apertura manuale delle matrici per profili tubolari.

Il sistema di separazione Compes sfrutta la scanalatura che è presente su tutte le matrici per profili tubolari.
In questo modo anche i portholes più resistenti vengono aperti agevolmente ed in sicurezza: matrice e mandrino vengono infatti separati dalla forza contemporanea di tre utensili, appositamente studiati nella forma e dimensione, in modo da adattarsi alle diverse sagome di scanalature. Questi utensili hanno la funzione di centraggio e di bloccaggio del pezzo. La forza necessaria per la separazione è autoregolata e progressiva, distribuita uniformemente sui tre utensili e scaricata in modo assiale. Il caricamento della matrice avviene appoggiando il pezzo sulla rulliera, in modo da ridurre al minimo gli sforzi dell’operatore. Su richiesta del cliente, è disponibile il braccio automatico per carico e scarico delle matrici in sostituzione delle operazioni manuali.

Il ciclo della DSM DIE SPLITTING MACHINE ® è completamente automatico, ma in ogni caso è mantenuta la possibilità d’intervenire manualmente sulle singole fasi. Il lay-out ideale della DSM nel ciclo produttivo è subito dopo il trattamento con la soda e prima della sabbiatura e l’ingresso nel reparto di correzione.

Quali sono i rischi derivati da una separazione manuale?
  • Pericolo d’infortunio per gli operatori dovuto all’uso incauto di martello e scalpello, che può causare gravi lesioni alle mani ed in particolare alle dita.
  • Distacco di scaglie e schegge d’acciaio, soprattutto quando le matrici da aprire hanno subito più trattamenti di nitrurazione.
  • Spruzzi di soda residua, altamente tossica, che può ristagnare all’interno dei fori di viti e spine.
  • Grippaggio dei diametri d’accoppiamento, dovuto all’impossibilità di applicare una forza simmetrica radiale e contemporanea: piccolissime variazioni d’inclinazione tra le parti da separare possono rovinare l’accoppiamento.
  • Rottura del mandrino, specie quando quest’ultimo ha dimensioni molto ridotte, a seguito delle vibrazioni causate dai colpi di martello.
  • Vita della matrice compromessa, perché durante la fase di separazione le zone di lavoro del mandrino e della matrice possono venire a contatto, rovinandosi irreparabilmente.
  • Tempi d’apertura notevolmente prolungati, nel caso di matrici deformate durante il processo d’estrusione.

Con l’uso della DSM DIE SPLITTING MACHINE® si beneficia del vantaggio evidente di eliminare i rischi, disagi e costi unendo alla facilità d’utilizzo la sicurezza e l’azzeramento dell’inquinamento acustico.

In fase di ordine, in funzione del parco matrici del cliente, si può definire una diversa geometria degli utensili, una tecnologia di apertura alternativa ed una potenza maggiorata.

Funzionamento in configurazione standard

Le seguenti operazioni s’intendono valide per l’apertura delle matrici porthole.

  • La matrice deve essere depositata con il piano del mandrino appoggiato sulla rulliera.
  • Il porthole è successivamente collocato su di una tavola mobile al centro della macchina, manualmente oppure, a richiesta, tramite un braccio automatico.
  • Il puntatore introdotto nello spacco della matrice permette di rilevare la misura necessaria a posizionare automaticamente in modo corretto la matrice rispetto agli utensili di apertura.
  • Si preme il pulsante d’avvio e inizia il ciclo di lavoro completamente automatico:
    1. Si abbassano le protezioni di sicurezza.
    2. Si alza la tavola mobile portando la scanalatura della matrice in corrispondenza degli utensili.
    3. Gli utensili iniziano la rotazione procedendo in sequenza al centraggio automatico, alla separazione di matrice e mandrino, al trattenimento in alto della matrice.
    4. Scende la tavola mobile con il mandrino separato, che può essere asportato dalla macchina manualmente oppure tramite il braccio automatico.
    5. Si rialza la tavola mobile quanto basta a riprendere la matrice, che quindi è rilasciata dagli utensili.
    6. Riscende la matrice, che si avvia all’uscita con la stessa procedura utilizzata per il mandrino.

Specifiche tecniche

DSM 420 DSM 530
Potenza installata 3 Kw 3 Kw
Centralina idraulica 100 l 100 l
Pompa idraulica doppia 6+20 l 6+20 l
Pressione massima 160 bar 160 bar
Attuatore girevole di potenza massima 1800 Kgm 1800 Kgm or higher on request
Utensili per separazione matrici Ø 180-420 mm Ø 180-530 mm
Peso complessivo approssimativo 1400 Kg 1900 Kg
Ingrombro massimo 1950 mm x 1350 mm x h 2330 mm 2050 mm x 1450 mm x h 2330 mm

Struttura in tubolare d'acciaio normalizzato e saldato.
Tavola mobile con sfere per centraggio.
Rulliera per carico e scarico.
Rilevatore di quota per centraggio matrice.
Apparecchiatura elettrica in bassa tensione gestita da PLC (Siemens, A. B. od altro), solidale col copro macchina.
Pulsantiera posizionata ad altezza ideale, comprensiva di panel view.
Protezione con carter in profilati d'alluminio e PVC GLASS con movimento pneumatico.
Braccio trasportatore automatico (opzionale), ideale per movimentazione di tutte le matrici ed indispensabile per quelle con diametro elevato.
Dispositivo antirimbalzo, inserito all'interno degli utenti d'apertura matrice, atto a creare un contrappeso di contrasto che limiti lo sblocco matrice rapido con effetto apertura a molla.
4 possibilità di carico e scarico matrice, due da destra e due da sinistra.
Sensore atto ad intercettare la non avvenuta separazione della matrice ed a prevenirne la caduta accidentale.

Per il buon funzionamento della DSM vanno seguite correttamente le specifiche COMPES per diametri di accoppiamento, spacchi apertura e spine, come da disegno fornito su richiesta.

La macchina viene fornita secondo le normative CE od alternative e con regolare Dichiarazione di Conformità.
DSM DIE SPLITTING MACHINE®: un marchio CO.M.P.ES. S.p.A. Compes si riserva il diritto di apportare senza preavviso qualsiasi modifica tecnica ritenuta necessaria od in funzione di specifiche richieste.